Gallo gioielli


Vai ai contenuti

Storia

Chi siamo

Dalla pacatezza di una vita ordinata e assennata e dedita al rispetto dei valori della famiglia Gallo, Alfonso, curioso osservatore delle novità e abile sostenitore delle proposte avanguardistiche di oltre oceano, dopo aver militato per un breve periodo alle dipendenze comunali, parte, insieme al fratello Totonno, alla volta dell'America Latina, traguardo e meta per i molti italiani dell'epoca desiderosi di immediati guadagni.

Caracas, 1942. Apre la prima "puteja" orafa-orologiaia. Deluso da ciò che il luogo poteva offrirgli, nonostante visto come approdo di ricchezza, o forse più spinto dalla carenza degli affetti familiari, ritorna in patria. Il ricongiungimento familiare, nonostante le difficoltà di un paese appena uscito dalla guerra, divenne la chiave di volta per tutto quello che ne determinò il seguito.

Vallata, 1945. Apre lo storico negozio di via Fontana, 11, luogo di incontro, di scambio culturale e di interesse commerciale. All'indomani della fine della seconda guerra mondiale, nasce la leggenda del primo Gallo, sotto il nome di Alfonso. Presto conosciuto come uno dei protagonisti "artigiani" di inizio secolo.

La storia dell'oreficeria Gallo gioielli

Menu di sezione:


Torna ai contenuti | Torna al menu